Valuemation: Software für IT Change + Configuration Management (CMDB)

Il vostro software per l'IT Change & Configuration Management (CMDB)

The Valuemation CMDB Manager
Il CMDB offre una visione completa dell'infrastruttura IT.

Rendete trasparente la vostra infrastruttura IT

Il Configuration Management Database (CMDB) vi fornisce una visione completa della vostra infrastruttura IT:

  • Registrazione centrale dei componenti IT (Configuration Item/CI) e delle dipendenze e dei rapporti reciproci
  • Registrazione dei componenti fisici (ad es. server, banche dati) e logici (servizi)
  • Documentazione a prova di revisione di tutte le modifiche effettuate attraverso il processo change
  • Confronto automatico con i dati fisici dell'inventario per individuare change non autorizzati
    Valuemation CMDB Manager
    Valuemation unifica i dati di configurazione (CI) provenienti da fonti diverse.

    Raggruppate i dati di configurazione provenienti da fonti diverse

    L'integrazione delle fonti dati esterne consente un CMDB unificato:

    • Fonti dati illimitate vengono collegate e integrate mediante interfacce.
    • I dati di configurazione rimangono nei sistemi di origine e non vengono duplicati.
    • Non è necessario un modello di dati uniforme e valido per tutti i sistemi.
    Valuemation CMDB Manager
    Valuemation unifica i dati di configurazione (CI) provenienti da fonti diverse.

    Evitate gli ostacoli tipici legati all'introduzione del Configuration Management Database (CMDB)

    Best practice: così approfittate delle esperienze maturate durante numerosi progetti CMDB.

    1. Gestione e pianificazione CMDB

    Nella fase di pianificazione si definiscono la strategia, gli obiettivi, le dimensioni, i processi, i KPI, i ruoli e le interfacce con gli stakeholder del Configuration Management (ad es. nel Change Management, Incident Management, Problem Management, ecc.).

    Ecco i problemi più frequenti:

    • Contenuti poco chiari, mancanza di un'idea comune: spesso si acquista uno strumento CMDB e tutto il resto viene definito solamente a progetto iniziato.
    • Dimensioni eccessive con scadenze irrealistiche: si pretende di realizzare tutti gli obiettivi con un'unica azione.
    • Priorità errate: senza conoscere a sufficienza i propri obiettivi è impossibile stabilire le priorità in maniera ragionevole.
    • Ripartizione poco chiara dei ruoli e interfacce dei processi: le responsabilità sono i pilastri del Configuration Management.

    2. Identificazione della configurazione CMDB

    Nella fase di identificazione il modello di configurazione viene definito in modo tale che il CMDB possa contenere tutte le informazioni necessarie sui CI (componenti dell'infrastruttura IT e del servizio).

    Ecco i problemi più frequenti:

    • Diversa comprensione dei termini: servizi, applicazioni e software sono sinonimi? Assolutamente no.
    • Numero eccessivo di dettagli: soprattutto per gli attributi nel CMDB si inseriscono spesso tantissime sfumature irrilevanti.
    • Mancanza di un chiarimento completo per la gestione CI degli attributi: un attributo tecnico, ad es. CPU, viene automatizzato o gestito manualmente?

    3. Gestione e controllo del CMDB

    Nella fase di controllo si garantisce che i change nel CMDB vengano eseguiti solo nell'ambito di altri processi ITSM, ad es. nel Change Management, e che non avvengano change non autorizzati.

    Ecco i problemi più frequenti:

    • La gestione dei dati CMDB viene eseguita esclusivamente da un team dedicato nel Configuration Management: no, non è una buona idea! Meglio rivedere la procedura pensando all'intero processo.
    • Dati di scarsa qualità: se la qualità dei dati è bassa, viene meno l'affidabilità del CMDB e di conseguenza la sua reputazione.
    • Meccanismi di verifica e controllo introdotti troppo tardi o assenti: pianificate i meccanismi di verifica e controllo già prima di popolare il CMDB.

    4. Verifica dello stato del CMDB e report

    Nella fase di creazione dei report lo stato di tutti i CI registrati durante l'intero ciclo di vita CI, ovvero dalla pianificazione alla disattivazione, viene verificato e monitorato con continuità.

    Il tema della creazione dei report viene spesso sottovalutato. Nel corso del progetto il Configuration Management deve soddisfare numerosi requisiti, imposti soprattutto dalle discipline ITIL® adiacenti. Pianificate quindi un processo di creazione report che includa tutto il CMDB (incluse le interfacce di ingresso).

    5. Verifica e audit CMDB

    Durante la fase di verifica vengono introdotti ed eseguiti audit e misure di controllo regolari. In questo modo si garantisce il rispetto della procedura del Configuration Management e l'attualità, la completezza e la correttezza dei dati contenuti nel CMDB.

    Ecco i problemi più frequenti:

    • Esecuzione irregolare degli audit: spesso si teme la mole di lavoro legata agli audit che per questo vengono eseguiti troppo di rado.
    • Esito dell'audit «Vecchie etichette sui dispositivi fisici»: dopo aver rinominato un apparecchio non si provvede ad aggiornare l'etichetta. Spesso il numero di serie rimane l'ultimo criterio per un'identificazione univoca.

    Guida pratica al Configuration Management Database (CMDB)

    Affinché il vostro progetto CMDB abbia successo vanno tenuti in considerazione altri elementi. Questa guida pratica completa vi spiega in dettaglio che cosa prestare attenzione.

    Leggi subito la guida

    The Valuemation CMDB Manager
    Il CMDB visualizza le dipendenze e le relazioni presenti nella struttura del servizio e nell'infrastruttura IT.

    Riconoscete le dipendenze e i rischi

    Il Configuration Management Database (CMDB) conforme a ITIL® è un presupposto fondamentale affinché l'infrastruttura IT funzioni in maniera sicura e con pochi rischi:

    • Rappresentazione grafica delle dipendenze CI a tutti i livelli (cliente, servizio e componenti dell'infrastruttura)
    • Visualizzazione degli stati di errore emersi durante il monitoraggio
    • Individuazione degli effetti e del rischio dei change (analisi dell'impatto)
    • Identificazione delle cause dei guasti (analisi della causa principale)
    The Valuemation CMDB Manager
    Il CMDB visualizza le dipendenze e le relazioni presenti nella struttura del servizio e nell'infrastruttura IT.
    Valuemation CMDB
    Valuemation consente di effettuare un confronto tra lo stock teorico e quello reale.

    Identificate le discrepanze tra lo stock teorico e reale dei CMDB

    Tenere separati lo stock teorico e quello reale consente di garantire dati di alta qualità:

    • Gestione automatizzata dello stock teorico mediante i processi ITIL®
    • Lettura automatizzata dello stock reale mediante strumenti di inventariazione e rilevamento
    • Confronto automatizzato dei due stock per identificare change non autorizzati o non eseguiti
    The Valuemation CMDB Manager
    Calendario dei change e delle release per supportare l'IT Change Management.

    Limitate i rischi legati ai change dell'infrastruttura

    I processi di Change Management compatibili con ITIL® riducono i rischi che si presentano cambiando l'infrastruttura IT:

    • Processi standardizzati per la richiesta, la pianificazione, l'autorizzazione e l'esecuzione di change
    • Adattamento flessibile dei processi per change standard, normali e d'emergenza
    • Avvio dei processi di change dall'elaborazione del guasto (richiesta di change/RfC) o attraverso il catalogo dei servizi (richiesta di servizio)
    The Valuemation CMDB Manager
    Calendario dei change e delle release per supportare l'IT Change Management.
    The Valuemation Release Manager
    Pianificazione dei compiti di release con l'aiuto della gestione risorse

    Introducete le release del software in tutta sicurezza

    Il Release Management vi permette di integrare in maniera sicura le nuove release del software nell'ambiente di produzione:

    • Pianificazione delle release e di tutti i pacchetti di compiti per il lancio
    • Esecuzione delle distribuzioni della release attraverso i processi di change
    • Documentazione completa di tutti gli stati della release e dei change correlati


    Ulteriori informazioni

    Informazioni per esperti

    Articoli di settore e white paper dedicati all'IT Service Management

    Scarica subito

    Studio di mercato

    I 20 migliori fornitori di software per l'IT & Enterprise Service Management

    Scarica subito

    Informazioni sui prodotti

    Funzioni e vantaggi dei moduli Valuemation per il Change Management & CMDB

    Scarica subito

    Avete ancora domande?

    Ci farebbe piacere fornirvi altre informazioni o mettervi in contatto con un esperto del prodotto.

    Vorrei saperne di più

    Il vostro contatto

    Michael Münch
    Executive Solution Architect

    +49 7141 4867-610
    mm(at)usu.de

    Volete testare la soluzione?

    Convincetevi di persona e testate Valuemation gratuitamente e senza impegno.                       

    Desidero testare la soluzione